<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Idrogeno verde: via libera ai progetti sui siti di produzione

Idrogeno verde
Il decreto del ministero dell'Ambiente n. 427/2022 prevede 500 milioni di euro per la conversione di aree industriali dismesse, da finanziare nell'ambito della missione 2C2, investimento 3.1 del Pnrr

Idrogeno verde: via libera ai progetti su siti di produzione. Lo ha reso noto il decreto direttoriale del ministero della Transizione ecologica (oggi dell’Ambiente e della sicurezza energetica) n. 427/2022, di attuazione dell’art. 7, comma 2, del decreto del ministro della Transizione ecologica 21 ottobre 2022, n. 463.

Oggetto del provvedimento è la selezione di proposte progettuali volte alla realizzazione di siti di produzione di idrogeno rinnovabile in aree industriali dismesse, da finanziare nell’ambito Pnrr, Missione 2 «Rivoluzione verde e transizione ecologica», Componente 2 «Energia rinnovabile, idrogeno, rete e mobilità sostenibile», Investimento 3.1 «Produzione in aree industriali dismesse», finanziato dall’Unione europea – Next Generation Eu.

Duplice quindi lo scopo della disposizione:

  • produrre idrogeno attraverso fonti rinnovabili;
  • riqualificare aree dismesse.

 

L'idrogeno? Non è tutto uguale

Uno dei temi più accessi riguardo all’idrogeno riguarda le fonti dal quale viene prodotto. Attualmente, quasi tutto l’idrogeno viene generato a partire dal metano e dal carbone; ciò comporta, però, l’emissione in atmosfera di una quantità di CO2 compresa tra i 7 e i 9 kg per ogni kg di idrogeno prodotto. Questo tipo di idrogeno è definito “grigio” o “blu” a seconda che ci sia o meno la captazione di CO2.

L’idrogeno “verde” (o rinnovabile), oggetto del D.M. n. 427/2022, non essendo presente in natura, viene, invece, ricavato dall’acqua grazie a un processo di elettrolisi ad alta temperatura. L’esclusione delle fonti fossili dal processo di produzione elimina di fatto l’emissione di anidride carbonica. Per questo motivo, questo tipologia di processo produttivo di idrogeno è l’unica contemplata dal recovery fund.

 

La misura in pillole

Importo e destinatari:

  • 450 milioni di euro ripartiti tra le Regioni e le Province autonome;
  • 50 milioni di euro sono destinati ai Progetti bandiera.

 

Obiettivo: sostenere la produzione e l’uso a livello locale di idrogeno verde nell’industria, nelle Pmi e nel trasporto locale.

 

Maggiori informazioni: https://www.mase.gov.it/bandi/investimento-3-1-produzione-di-idrogeno-aree-industriali-dismesse-hydrogen-valleys

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

css.php

Benvenuto!

Accedi al tuo account

Non sei ancora registrato?