<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Autoproduzione di energia green: autonomi e sostenibili

Autoproduzione di energia green
È questa la logica che ha spinto Viessmann a dare vita all’iniziativa ViShare, un sistema premiante che si muove nel perimetro dell’energia green. Questa piattaforma potrà consentire, in futuro, di creare comunità autonome nella logica della sostenibilità

Autoproduzione di energia green.

Il percorso che vede il passaggio dal consumo di combustibili fossili diminuire per dare maggior spazio alle fonti rinnovabili è in continuo divenire – aiutato anche dalle diverse forme di incentivi e detrazioni fiscali.

Iscriviti alla newsletter di Transizione ecologica Italia

In questo contesto si registra anche una contemporanea decentralizzazione della produzione di energia attraverso, ad esempio, l’installazione di impianti fotovoltaici privati, per singoli o aziende, cui corrisponde un aumento dell’autoconsumo dell’energia prodotta. Un ciclo che porta vantaggi economici sia al produttore e consumatore di energia green (oggi denominato con il neologismo “prosumer”, “producer+consumer”) sia, a scala più ampia, in termini di sostenibilità ambientale.

Autoproduzione di energia green: una strategia verde

Consapevoli che incrementare l’autoconsumo sia una strategia efficace per contenere il consumo di fonti fossili, Viessmann ha presentato l’iniziativa ViShare, che intende promuovere e premiare un utilizzo efficiente dell’energia attraverso un incremento dell’autoconsumo di energia prodotta da impianti fotovoltaici. Al progetto possono accedere i nuovi clienti Viessmann e chi hanno installato le tecnologie aziendali dal primo gennaio 2018. In sintesi, a questi soggetti verrà riconosciuto il “Bonus ViShare”: un premio una tantum annuale conferito entro sessanta giorni dalla fine del primo anno (o due anni nel caso del pacchetto «Climatizza o riscalda con energia Green Plus»), la cui decorrenza parte dall’attivazione dell’Energy Monitor. Il valore del Bonus si analizza a partire dall’attivazione dell’Energy Monitor sulla base del valore di autoconsumo di energia elettrica (kWh) prodotta dall’impianto fotovoltaico e non ceduta in rete. Come dichiara l’azienda «Ai fini del calcolo del bonus tale valore sarà moltiplicato per il valore fisso, invariabile e non indicizzabile di 0,05 €/ kWh. L’autoconsumo viene calcolato per differenza tra il dato di produzione dell’impianto fotovoltaico e il dato di immissione di energia al POD (Point Of Delivery) a valle del quale è installato l’impianto. Per energia prodotta dall’impianto fotovoltaico si considera l’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico oggetto della fornitura (o già esistente)».

Autoproduzione di energia green: le prospettive

Dario Fabris, responsabile commerciale della divisione fotovoltaico di Viessmann Italia, sottolinea le prospettive a lungo termine del progetto: «La piattaforma dei clienti che aderiranno a ViShare – dice Fabris – consentirà nel futuro di creare comunità in grado non solo di produrre energia pulita per il proprio fabbisogno ma addirittura di condividere l’eccesso di energia non autoconsumata. Lo scenario è entusiasmante, con edifici e quartieri che diventano centrali di produzione delocalizzata di energia in grado di affiancarsi alla rete pubblica per contribuire al fabbisogno collettivo».

Autoproduzione di energia green
Dario Fabris responsabile commerciale della divisione fotovoltaico di Viessmann Itali

Autoproduzione di energia green: un progetto che attira interesse

Lanciato pochi mesi fa, il progetto sta raccogliendo interesse e numerosi installatori, partner dell’azienda, stanno proponendo il progetto spesso in abbinamento ad altre iniziative di supporto al committente proposte da Viessmann, come l’utilizzo dello sconto in fattura o lo sfruttamento del superbonus 110%.

Essendo l’abitazione “colpevole” di un forte consumo di energia, agevolare l’autoconsumo premiando i consumatori più virtuosi è un’iniziativa che intende abbinare autonomia energetica, sostenibilità ambientale, risparmio in bolletta e applicazione di tecnologie innovative.

Le configurazioni possibili

Per ottenere il Bonus ViShare è possibile scegliere fra diversi pacchetti che comprendono una serie di soluzioni per la climatizzazione basata sull’uso di fonti rinnovabili.

Il pacchetto «Produci energia green», di base, comprende tre elementi: un impianto fotovoltaico da 10 kW massimo, un inverter e l’energy monitor; «Accumula energia green» prevede la presenza anche si un efficace sistema di accumulo. «Climatizza o riscalda con energia green» aggiunge ai quattro elementi presenti nelle due proposte precedenti anche una pompa di calore o un climatizzatore. L’ultima proposta, più articolata, è parte del pacchetto «Climatizza e riscalda con energia green Plus» e prevede la presenza contemporanea sia della pompa di calore sia del climatizzatore. La scelta di elementi di ultima generazione – il cui acquisto è incentivato – per comporre i pacchetti garantirà il risparmio in bolletta e vantaggi concreti per il pianeta legati al contenimento sui consumi dei combustibili fossili.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

css.php

Benvenuto!

Accedi al tuo account

Non sei ancora registrato?