<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Anche il mondo delle stampanti strizza l’occhio alla transizione energetica

risparmio energetico stampanti
Una nuova indagine di Epson sulla sensibilità al risparmio energetico mostra come più del 60% dei responsabili in ambito IT desideri ridurre la spesa per i consumi elettrici.

Stampanti e risparmio energetico

Risparmio energetico stampanti

Una grande opportunità in questo senso è offerta dal mondo delle stampanti. I dispositivi di stampa a getto d’inchiostro (inkjet) – secondo Epson – possono offrire un risparmio energetico maggiore rispetto alle stampanti laser. Tuttavia, solamente il 19% del parco stampanti installato nelle aziende è inkjet.

Secondo l’indagine condotta da Epson su 5.650 responsabili, decisori e utenti che hanno un ruolo in ambito IT è emerso che il 48% degli italiani intervistati comprende l’importanza di questo divario in termini di riduzione dei costi. Ma questo dato si attesta ben al di sotto della media europea. Il 54% degli intervistati europei, infatti, si mostra più sensibile al risparmio energetico.

In entrambi i casi, però, il dato è influenzato dagli aumenti di prezzo dell’energia registrati nell’ultimo periodo. Da una parte il 42% degli italiani (contro il 63% in Europa) vuole ridurre i costi energetici. Dall’altra il 57% (62% in Europa) si mostra preoccupato per il consumo energetico delle stampanti. La preoccupazione è certo legittima. La Banca Mondiale ha infatti recentemente affermato che i prezzi dell’energia potrebbero aumentare in media del 50%.

Vale ogni opportunità di risparmio

“Nel contesto della spirale dei costi energetici – ha commentato Luca Motta, Head of Sales Office Print di Epson Italia – è fondamentale che le organizzazioni traggano vantaggio da ogni opportunità disponibile per ridurre i costi. Una singola stampante non ridurrebbe di molto i costi. Ma effettuare il passaggio dalle soluzioni laser a quelle inkjet per un intero parco stampanti porterebbe a risultati significativi. E non è solo il costo che si riduce. Diminuire in questo modo i consumi energetici abbasserebbe notevolmente anche il volume di emissioni di CO2 prodotte, contribuendo ad alleggerire le problematiche relative alla sostenibilità”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

css.php

Benvenuto!

Accedi al tuo account

Non sei ancora registrato?